Informativa Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. X
LogoutPannello amministrazione
MENU
Accesso utenti

Archeologia: Myrtis, una bambina ateniese

Pubblicata il 27/09/2010

Ad Atene, nel Museo Archeologico Nazionale, fino al 30 Novembre 2010 sarà esposta la fedele ricostruzione del volto di "Myrtis" (come è stata battezzata dagli archeologi), una bimba di 11 anni morta di peste durante la terribile epidemia del 430 a.C. che uccise anche Pericle. Una eccezionale testimonianza archeologica di questo evento è venuta alla luce circa quindi anni fa, durante gli scavi per la metropolitana di Atene: 150 corpi di adulti e bambini, sepolti in una fossa comune, furono rinvenuti nella necropoli principale della città. Tra di essi, anche lo scheletro della bambina di 11 anni che ora è oggetto della mostra dal titolo: "Myrtis. Faccia a faccia con il passato". La ricostruzione del volto è stata possibile grazie all'ottimo stato di conservazione del cranio, e grazie alla collaborazione tra archeologi, medici, antropologi ed esperti di medicina legale. I lavori sono durati circa 4 anni; si è prima realizzato un calco del cranio (per preservare l'originale) e poi sono stati aggiunti tutti i dettagli, dai muscoli a tutto il resto. Se non potete andare di persona alla mostra, il risultato è comunque visibile sul sito del Museo Archeologico Nazionale di Atene.

L'orario del Museo è: Martedì-Domenica 8,00-20,00 e Lunedì 13,30-20,00. 

Feed RSS Se vuoi restare sempre aggiornato sulle nuove news che vengono caricate, puoi Iscriverti ai nostri Feed RSS. Qualora non avessi un RSS Reader, puoi ricevere le novità comodamente via Email, iscrivendoti dal seguente link Iscrizione RSS Email. Questi servizi e la loro sottoscrizione sono completamente gratuiti e disattivabili in qualsiasi momento.

Attendere prego...