Informativa Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. X
LogoutPannello amministrazione
MENU
ACCEDI

Archeologia: Trovati i resti del Caravaggio

Pubblicata il 16/06/2010

Nell'antico cimitero di san Sebastiano a Porto Ercole, in Toscana, sono stati trovati quelli che sono stati classificati come i resti del corpo di Michelangelo Merisi, detto il Caravaggio (da quello che tradizionalmente è stato considerato suo paese natale, in provincia di Bergamo, anche se sembra che sia nato a Milano e che solo i suoi genitori erano originari di Caravaggio). Il pittore, morto il 18 Luglio 1610 proprio a Porto Ercole, all'età di 39 anni, è stato riconosciuto dopo un'accurata serie di analisi: dall'esame del carbonio 14 lo scheletro risulta risalire al periodo in cui visse il pittore; dall'esame istologico risulta appartenere ad un uomo morto ad un'età compresa fra i 37 ed i 45 anni (e il Caravaggio rientra in questa caratteristica); nelle ossa si sono trovate tracce di piombo e mercurio, che sono metalli contenuti nei colori che si usavano per dipingere; infine, l'esame del Dna ha rilevato tratti genetici comuni al Dna prelevato a 20 caravaggini di cognome Merisio coinvolti nella ricerca. Crediamoci fino a prova contraria! 



Ottavio Leoni, Ritratto di Caravaggio, 1621. Da Wikipedia, pubblico dominio. 


 


Attendere prego...