Informativa Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. X
LogoutPannello amministrazione
MENU
Accesso utenti

Antropologia: Sequenziato il genoma neandertaliano

Pubblicata il 09/05/2010

Il gruppo diretto da Svante Pääbo, del Max-Planck Institute for Evolutionary Anthropology di Lipsia, ha da poco pubblicato sulla rivista Science la sequenza di circa il 60% dell’intero genoma dell’uomo di Neandertal. Il DNA estratto proviene dai resti fossili di tre neandertaliani e la loro sequenza genomica è stata confrontata con quella di cinque individui della nostra specie provenienti dai diversi continenti. E' risultato che alcuni geni (coinvolti nel metabolismo e nello sviluppo cognitivo e scheletrico) noi non li condividiamo con i neandertaliani e quindi essi sono stati interessati dall’azione della selezione naturale dopo la separazione evolutiva avvenuta tra noi e loro. Il secondo risultato ha chiarito uno dei punti su cui gli antropologi si interrogano da lungo tempo, cioè se l’uomo moderno si sia incrociato geneticamente con i neandertaliani. Si era già dimostrato che non era possibile eliminare completamente l’ipotesi di un modesto grado di mescolamento genetico, valutabile in circa 120 incroci, ed il nuovo studio è venuto a dare supporto a questa teoria. Il genoma delle popolazioni europee e asiatiche infatti è formato per una percentuale compresa tra 1 e 4 da geni neandertaliani, mentre le popolazioni africane ne sono prive. Questo risultato ci dice che le prime popolazioni di Homo sapiens uscite dall’Africa sono giunte in Medio Oriente, dove c’è stato qualche caso di incrocio. Quei gruppi di Homo sapiens poi sono cresciuti enormemente di numero, mentre l'uomo di Neandertal ha conosciuto una drastica contrazione, quindi ecco perché da pochi incroci si è arrivati fino a un massimo del 4% di geni neandertaliani nel nostro genoma, e non c’è traccia di nostri geni nel genoma neandertaliano. 

Feed RSS Se vuoi restare sempre aggiornato sulle nuove news che vengono caricate, puoi Iscriverti ai nostri Feed RSS. Qualora non avessi un RSS Reader, puoi ricevere le novità comodamente via Email, iscrivendoti dal seguente link Iscrizione RSS Email. Questi servizi e la loro sottoscrizione sono completamente gratuiti e disattivabili in qualsiasi momento.

Attendere prego...